DoRa/ Maggio 20, 2019

Le parole di Elias Canetti  “Oh, essere un libro che viene letto con tanta passione!” hanno aperto la prima serata del secondo laboratorio di autobiografia breve (“Ribellione e rose”).

Partecipata e ricca di reciprocità, in quanto il tema scelto della Ribellione e delle Rose appartiene alle donne.

Di età diversa, tra le iscritte alcune giovani donne e una ragazza delle medie. E l’onda che si è diffusa ha di nuovo messo in moto testimonianze, sostenute da brani  di scrittori, scelti da ognuna, personalmente.

Ed è  “…il pensiero a cingere le parole e le parole a cingere il pensiero: infine arriva l’onda, l’onda attesa”. Come scrive Lia Rossi.

Durante l’incontro alcune parole chiave, poesie e scambi hanno arricchito la biblioteca interiore in cui le donne scavano per ritrovarsi.  Il loro Io tessitore di nuovo si è ripreso in carico un passato e un presente, grazie alla scrittura che le aiuta a fare pace con se stesse.

Le ribellioni e le riconciliazioni sono pronte ad iniziare quel viaggio formativo di cui ognuna ha bisogno. “ … adesso io confesso a me quel che mai, almeno in questo modo, mi ero dichiarato o sussurrato”. Scrive Lia Rossi.

Share this Post