associazioneviawybicki/ Ottobre 4, 2019

All’attenzione del Sindaco Luca Vecchi e delle Assessore Carlotta Bonvicini e Valeria Montanari.

Reggio Emilia, settembre-ottobre 2019

Il quartiere Rosta Nuova di Reggio Emilia, costruito tra il 1959 ed il 1961, è uno dei progetti urbanistici meglio riusciti nell’ambito del piano di edilizia popolare nel dopoguerra in Italia. Un quartiere preso a modello a livello nazionale ed internazionale per la sua architettura e per l’aver saputo rispondere in modo efficace all’intento di costruire non solo case, ma anche una comunità di persone.

Un quartiere, non a caso, particolarmente ricco di spazi comuni e di verde pubblico, che da anni, però, risentono della mancanza di un’adeguata manutenzione.

Mossi dalla preoccupazione che le nevicate invernali avrebbero potuto portare alla caduta dei famosi e tanto amati pruni di via Wybicki, che ogni anno incantavano con il loro improvviso rosa fiorire, nel novembre del 2012 più di quattrocento cittadini avevano chiesto che l’Amministrazione intervenisse con una potatura, che si denunciava mancare da anni.

Da allora poco e male si è fatto.

Con questa raccolta firme, siamo a chiedere, quindi, che si affronti con urgenza, per motivi anche di sicurezza, il problema in modo serio e competente, aprendo un tavolo tecnico che sappia individuare le soluzioni più adeguate, come la potatura delle piante esistenti e la messa a dimora di nuove piante, al fine di mantenere le caratteristiche specifiche della Via e valorizzare un patrimonio, culturale e sociale, che appartiene alla città tutta.

Share this Post