Che voti hai preso in pagella? In che fila starai nella coreografia del saggio di danza? Qual è il tuo tempo record a nuoto? Sono domande diversissime, ma parlano tutte di te, e tutte hanno qualcosa in comune: la risposta è un numero.

Nel nostro mondo moderno sono informazioni di questo tipo quelle che descrivono una persona, ma Marcuse non era affatto d’accordo, perchè il valore di qualcuno non si vede dai suoi numeri!

Marcuse diceva che la tendenza a giudicare in base ai numeri dipende dal principio di prestazione, secondo il quale nella vita dobbiamo raggiungere risultati sempre migliori e scalare le classifiche a scuola, nello sport e perfino negli hobby.

La conseguenza è che finiamo vittime dell’ansia di ottenere buoni risultati in tutto. Inoltre, se secondo questo principio è bravo chi si impegna, fatica e si sacrifica anche nel tempo libero, che ne è di chi trascorre il tempo libero a giocare, guardare le stelle o cantare per il puro piacere di farlo? Non classificato! Ma come? Anche queste cose sono importanti, e hanno valore nonostante non si contino. Il punto è proprio questo per Marcuse: al giorno d’oggi, se canti senza gareggiare e come se tu non cantassi, invece dovremmo liberarci dalla competizione e fare le cose che ci danno piacere.

Forse solo con la fantasia puoi immaginare un mondo in cui si vale per quello che si è e non per i numeri che si ottengono, e allora si potrebbe ripartire da lì, dal piacere puro di creare, immaginare e inventare. Chissà che non serva a costruire un mondo in cui, tornando a casa da scuola, non ti chiederanno più che voto hai preso nell’interrogazione, ma se la lezione ti è piaciuta e perché.

Herbert Marcuse (1898-1979) è stato un filosofo e sociologo impegnato nella critica delle società avanzate, che ingabbiano gli uomini nel consumismo facendo desiderare a tutti le stesse cose.

(Questo pezzo è tratto da “Perché? 100 storie di filosofi per ragazzi curiosi” di Umberto Galimberti, Irene Merlini e Maria Luisa Petruccelli, disponibile presso la Biblioteca Rosta Nuova)