Un album scritto a quattro mani prima che gli eventi cominciassero a ricordarci tutti i giorni la nostra fragilità e il nostro essere “mortali”, ma, di fatto, una celebrazione della vita. Tanto ironico, quanto sentimentale e profondo.