E alla fine abbiamo fatto dieci: 2012-2022, dieci anni di cose
fatte in comune come associazione di cittadini di via
Wybicki, la via in cui viviamo, lavoriamo, studiamo, ci
incontriamo. Non per caso.
La nostra idea è sempre stata quella di non rimanere nel
confortevole privato dei circuiti chiusi, provare ad abbattere
quei muri che nel tempo abbiamo visto crescere attorno a
noi, far circolare idee attraverso l’incontro di persone
comuni, reali, in carne ed ossa.
Questo il pensiero che è stato dietro all’albero di Natale di
quartiere, le cene all’aperto sotto i portici e nel parco che
con un percorso partecipativo unico in Italia, abbiamo
chiamato Senza Nome, le mostre fotografiche collettive e
diffuse, le preziose raccolte alimentari, le narrazioni in
Biblioteca, i percorsi di cittadinanza attiva fatti con le scuole,
la radio dalle finestre durante il lockdown, le feste per la
strada, la piattaforma messa in rete, che via via è stata
costruita insieme ai racconti delle persone che vi hanno
preso parte.
Un progetto sempre aperto a chi ha voluto esserci
liberamente e spensieratamente, senza obblighi e ansie di
prestazione.
È così è stato per la realizzazione di questo calendario
postmoderno, che tiene insieme pezzi molto diversi tra
loro, come siamo noi, com’è il nostro tempo, in cui abbiamo
voluto ricordare i nostri Santi, persone reali, in carne ed
ossa, che hanno lasciato un segno nel loro tempo e anche un
po’ nel nostro.
Persone che se non le conosci, è peccato.